LE DATE

22 dicembre | Teatro Pedrocchi | PADOVA

23 dicembre | Blue Note | MILANO

28 dicembre | ORBETELLO

1 gennaio | Discoteca Piña Colada, località Ca’ Di Valle, Cavallino – Treporti (VE), inizio ore 17.30, ingresso libero

2 gennaio | Alexanderplatz | ROMA

3 gennaio | Auditorium Bianca D’Aponte | AVERSA

5 gennaio | Auditorium Flaiano (location da confermare) | PESCARA

Brani di: Tom Waits, Maria Bethania, George Brassens, Gilberto Gil, Edith Piaf, Henry Salvador, Donald Y Gardner.

Prodotto da Rossana Casale.
Rossana Casale voce
Emiliano Begni pianoforte
Gino Cardamone chitarra, banjo
Ermanno Dodaro contrabbasso
Francesco Consaga sax soprano e flauto


Album e Tour
ROUND CHRISTMAS è il nuovo progetto ideato, prodotto e interpretato da
Rossana Casale

Un lavoro concept di ricerca ed emozioni alternate, dedicato alle storie vissute ‘attorno’ al Natale raccontate dai grandi autori della musica mondiale del 900. Un progetto diverso dai soliti natalizi delle songs americane (ndr. Album ‘Merry Christmas in Jazz’- 2009), che vuole andare oltre le luminarie e le vetrine colorate per addentrarsi nelle case e nella vita dell’uomo.
Musiche e canzoni di culture musicali distinte, che come ormai la Casale fa di abitudine, sono unite sotto una stessa anima che è quella del blues e del jazz.
Il sacro e il profano: ‘Il est né, le Divin Enfant’ ( solo in concerto) e Chocolate Jesus (Tom Waits), ‘Si eu quiser falar com Deus’ di Gilberto Gil e ‘Invocasao’ (“Deus do sim deuses….. “, di Chico Cesar e Maria Bethania). I racconti crudi e poetici di Brassens di ‘Le Père Noël Et La Petite Fille’ (che racconta di un, fra virgolette, Babbo Natale che porterà regali e morte a una giovane ragazzina, brano che ispirò La canzone di Marinella di De André), o della Piaf con la sua toccante ‘Le Nöel de la rue’ ( che ci fa vedere i bambini poveri e infreddoliti che incollano i loro nasi e i loro sogni alle vetrine dei negozi), contrapposti al gioco del brano del 1946 ‘All I want for Christmas is my two front teeth’ (D Y Gardner) o ‘Zat’ you, You Santa Claus’, ai tempi interpretata dal grande Luis Armstrong. E ancora, la malinconia del brano di Henry Salvador ‘C’est Noel, Mamie’ contrapposta alla carica spirituale e jazz di ‘Carol of the bells’.
E poi un inedito, ‘Round Christmas’, scritto insieme ai suoi musicisti, beano che racchiude in se il significato dell’intero album fino a dargli il titolo, ispirato
al brano di Monk.


“Il Natale deve essere, a mio parere, un tempo dove poter gioire ma dove è anche d’obbligo accendere il pensiero ed essere presenti al racconto dell’uomo in tutte le sue sfaccettature e la musica è l’unica cosa che ti da la possibilità di farlo contemporaneamente.” (Rossana Casale)


Il est né le divin enfant (solo in concerto)
Chocolate Jesus
Se eu quiser falar com Deus
Carol of the bells
A cradle in Bethlehem (solo in concerto)
Le Père Noël Et La Petite Fille
All I want for Christmas is my two front teeth
Silent night (solo in concerto)
Round Christmas
Invocaçao
Le Noël de la rue
‘Zat You, Santa Claus?
C’est Noël, Mami


Booking@zenart.it
ZenArt Management 010 416928
Alessandro Travi 329 6096007
Tour booking:
Luca Deluigi 393 8386780

Ballads Open Trio

Rossana Casale – voce
Aldo Mella – contrabbasso
Emiliano Begni – pianoforte

Rossana Casale torna nuovamente al jazz con un prezioso concerto in trio, dove reinterpreta brani presi dai suoi lavori più significativi dedicati al jazz, quello che lei chiama “la mia vera anima”. Albums “Jazz in me”, “Billie Holiday in me”, lavori discografici che l’hanno portata nei passati anni in lunghi tours e le hanno consegnato pregiati premi della critica e riconoscimenti alla carriera.
Alla scaletta la Casale aggiunge brani di Thelonious Monk, sua grande passione, prendendo dalle versioni di Carmen McRae che dei brani più significativi ha realizzato testi e versioni cantate.
“È un concerto senza paracadute dove, come il jazz vuole, tutto si reinventa ogni sera”, dice la Casale. “Ho tanti amici jazz men e jazz vocalists che stimo e che sera per sera chiamerò ad essere ospiti del concerto per creare nuove e
inesplorate sinergie. Ecco perché ‘Open’.
Il pubblico assisterà così davvero a concerti ‘aperti’ ed unici ”.

La scaletta:

Every time we say goodbye
Comes love
Ruby my dear
How long has this been going on
It’s over now (Well you needn’t) o Little Butterfly (Pannonica)
My one and only love
Good morning heartake
For heavens sake
Lover man
Willow weep for me
Everything I have is yours
Blue Monk
Bis
My baby just cares for me

Brazilian Songs and Memories

con Maurizio Di Fulvio – chitarra

Da Aprile 2019

e con:
Emiliano Begni – pianoforte
Ermanno Dodaro – contrabbasso
Fabrizio La Fauci – batteria

Rossana Casale e Maurizio di Fulvio portano al pubblico questo concerto tributo alla musica bossanova e i suoi grandi autori: Vinicius De Moraes, Chico Buarque De Hollanda, Antonio Carlos Jobim, Caetano Veloso, Toquino e altri che hanno contribuito alla sua evoluzione.
Nel concerto anche brani dal repertorio trentennale della Casale che ne hanno tratto ispirazione, quali La Via dei Misteri e Semplice.
In scaletta anche un brano inedito della cantautrice prematuramente scomparsa Bianca D’Aponte che la stessa aveva scritto per la Casale intitolato ‘Le parole più belle’.
Un concerto di poesia e nel contempo di grande tecnica ed energia.

Volesse il cielo
Come tu mi vuoi (Que nao se ve)
La via dei Misteri
Semplice
O que serà
Agua de beber
Retrato em branco i preto (Zingaro)
Canto de Ossanha
Corcovado
Gente sospesa
Eu sei que vou te amar
Nada sera como antes
Upa negūinho
Le parole più belle